Skip to content

Giornata di merda

Che anno di merda

Mi scuso per la parola anno. Non gli ci e' voluto molto, per mostrarsi in tutta la sua essenza bisestile e funesta, visto che siamo a metà marzo. Ma non c'è verso, gli anni bisestili sono sempre tremendi.*

Pronti per l’inverno

Dunque, vaccino per l’influenza fatto lunedì scorso e quarto vaccino per il COVID-19 fatto sabato scorso.
Persino la gatta ha fatto il suo vaccino venerdì.
Che non si dica che non siamo stati previdenti.

E dopo il vaccino abbiamo fatto un giro all’interno della Battersea Power Station, appena rinnovata.
Purtroppo però oggi, o meglio stanotte,...

Trovare le parole

Giovedì scorso ho saputo che è venuto a mancare Paolo Valenti, aka Wolly.
E’ da giovedì che sto cercando di trovare le parole per dire tante cose, da quanto mi dispiace a quanto sia stato importante conoscerlo per me, e quanto lui sia stato importante per la comunità di WordPress in Italia.

Invece di cercare parole che non trovo,...

#62 – Giornata no

Una di quelle in cui qualsiasi cosa fai o dici, sbagli.
E ti piacerebbe tanto, ma proprio tanto, avere un po’ di comprensione.
Forse nella prossima vita....

Eredità

Ci sono giornate tremende, come quella di ieri, che non si possono più dimenticare per tutta la vita.
Ci sono cose nella vita che spereresti che non ti succedano mai. E invece c’è sempre una prima volta. La fatica sta nel cercare di non farsi travolgere dal senso di colpa.

Ho messo a fuoco ieri un ricordo particolare di mio padre: chi lo conosceva o lo amava,...

In breve

E’ decisamente meno stressante e regala molte più soddisfazioni fare un trasloco massacrandosi di fatica che tornare al lavoro....

Dolcetto o scherzetto?

Il motivo per cui sono qui a mettere nero su bianco i fatti di stamattina è che spero che serva a qualcuno per evitarsi problemi e arrabbiature. Lo stesso motivo per cui sono stata vicino al distributore automatico per tutto il tempo dell’attesa: volevo evitare che qualcuno dovesse subire lo stesso scherzetto che era stato fatto a me....

There must be something more

A volte, tornano le vecchie domande, prepotenti.
Si insinuano nei pensieri di tutti i giorni, nella quotidianità, senza un motivo preciso, senza un filo logico.
Arrivano, e non se ne vanno più via.

Questa domanda per me è davvero cruciale.
Ho speso una vita a cercare una risposta, ma soprattutto ho speso una vita a cercare di capirne le conseguenze....