Skip to content

Lotto, m’arzo.

Più parità, meno mimose

Nella mia ingenuità, non avevo mai pensato che, visto che le donne mediamente guadagnano meno, avranno anche una pensione più bassa.
Quindi non solo assorbenti tassati come oggetti di lusso, stipendi ridicoli a parità di mansioni, ma anche che per ottenere la stessa pensione di un uomo, le donne dovrebbero iniziare a lavorare molto più giovani.

(Astenersi perditempo che avrebbero già voluto commentare: ah ma tanto la pensione non ce l’avrà nessuno. Argomento trito e ritrito, non serve a nessuno, e come dicono gli inglesi, you are missing the point.)

Discussione

    1. Concretamente, fare qualcosa nel proprio piccolo aiuta molto.
      Dipende poi molto da quale posizione lavorativa si parte: se si ha accesso a stipendi e posizioni ricoperte, ovviamente e’ più semplice, altrimenti bisogna un po’ ingegnarsi.
      Ma il concetto e’ lo stesso: trovare le differenze di stipendio e avvertire sia le interessate che chi e’ in grado di chiedere un cambiamento.
      Non e’ detto che funzioni, ma almeno porta a una maggiore consapevolezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente

Articolo successivo