xlthlx

I am not an early bird or a night owl. I am some form of permanently exhausted pigeon


Enjoy your lunch


06 Febbraio 2018

Oggi sono a casa con un bel mal di schiena, e da un paio di settimane sono a dieta. Negli ultimi tempi ho sempre usato Deliveroo per procurami il cibo quando ero a casa perché sono pigra (e ne pago le conseguenze), oggi non e’ stata proprio una questione di pigrizia, ma di dolore anche solo a stare in piedi qualche minuto.
Decido quindi di cercare un giapponese che faccia sashimi, cosa che rientra tranquillamente nella mia dieta, e ne trovo uno che mi permette di scegliere il pesce da metterci e il prezzo non e’ esorbitante.
Il sashimi era buonissimo, la confezione molto curata, ma solo dopo aver finito di mangiare guardo il sacchetto di carta con cui me l’avevano consegnato e vedo:

SUSHI O'CLOCK


Quello che si dice: lo stai facendo giusto.

Enjoy your lunch


06 February 2018

Today I am at home with bad back pain and I have been on a diet for a couple of weeks. Recently I’ve always used Deliveroo to get me food when I was at home because I’m lazy (and I pay the consequences), today it was not really a question of laziness, but of pain even just standing up for a few minutes.
I, therefore, decide to look for a Japanese who does sashimi, which falls quietly in my diet, and I find one that allows me to choose the fish to put in and the price is not exorbitant.
The sashimi was very good, the package very accurate, but only after having finished eating I look at the paper bag with which they had handed it to me and I see:

SUSHI O'CLOCK

 

What they say: you’re doing it right.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

le trecce di xlthlx

22 April 2019

Does our culture over-prize motherhood? Yes – and it has become worse, we’ve slid backwards. Motherhood is thought of as a choice but some people have that choice taken away. I’m always shocked when people ask: “Have you got children? Why not?” I’ll think: I don’t want to explain that to you. Or: “You’d make […]

Utilizzando questo blog, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi