xlthlx

I am not an early bird or a night owl. I am some form of permanently exhausted pigeon


La casa in un box


24 Gennaio 2015

Alla fine svuotare la casa e mettere via quello che invece volevamo salvare è stato più lungo e faticoso, fisicamente e psicologicamente, di quanto non credessimo. Non abbiamo ancora finito, ma siamo a buon punto.

Da qualche giorno siamo felici affittuari di un box dove sono finiti i primi scatoloni. Vedere la propria casa impacchettata dentro a un box fa impressione, però è anche una bella soddisfazione. Adesso sicuramente quello che c’è è quello che davvero vogliamo salvare, e nient’altro.

Col senno di poi, di cui notoriamente sono piene le fosse, questo è quello che farei se potessi tornare indietro:

1) comincerei a selezionare cosa salvare degli oggetti di casa almeno tre mesi prima. Il concetto è: aprire un cassetto, un armadio, tirare fuori tutto, salvare quello che veramente vuoi salvare, rimettere dentro ciò che hai salvato, il resto cominciare a venderlo (se è il caso), regalarlo, buttarlo negli appositi contenitori. Una volta fatta la selezione, è molto più semplice impacchettare tutto.

2) avendo qualcosa da vendere, potrebbe andare bene farlo anche un mese prima. In realtà noi abbiamo venduto la cyclette in due settimane, ma cose più consistenti probabilmente hanno bisogno di più tempo.

3) se pensi di regalare oggetti ingombranti a qualcuno, fallo per tempo, organizzandoti con quella persona il prima possibile. Farlo all’ultimo è complica le cose a te e a quella persona.

4) non avere paura a buttare via quello che proprio non ha senso tenere pensando che qualcuno lo prenda: anche regalare non è così semplice. I motivi possono essere molti: mancanza di spazio, poca propensione per gli oggetti usati, o semplicemente mancanza di interesse per quegli oggetti specifici. Insomma, anche se le cose che vuoi regalare sono ancora in buono stato, anche ottimo, e magari hanno anche un certo valore, considerale sempre un regalo: il regalo giusto per la persona giusta. E per farlo ci vuole tempo e organizzazione, per cui torniamo al punto 1.

In tutto questo, mai dimenticare una cosa: un trasloco internazionale non è un trasloco qualunque. Cominciarlo il prima possibile è sempre una buona idea.

La casa in un box

The house in a box


24 January 2015

In the end, emptying the house and putting away what we wanted to save was longer and more tiring, physically and psychologically, than we believed. We have not finished yet, but we are at a good point.

A few days ago we are happy renters of a box where the first boxes are finished. Seeing your home packed inside a box is an impression, but it is also a great satisfaction. Now surely what is there is what we really want to save, and nothing else.

In hindsight, of which the pits are notoriously full, this is what I would do if I could go back:

1) I would begin to select what to save home objects at least three months before. The concept is: open a drawer, a wardrobe, take out everything, save what you really want to save, put back what you’ve saved, the rest start selling it (if necessary), give it, throw it in the appropriate containers. Once the selection is made, it is much easier to pack everything.

2) having something to sell, it may be good to do it even a month before. We actually sold the exercise bike in two weeks, but bigger things probably need more time.

3) if you think to give someone bulky items, do it in time, organizing with that person as soon as possible. Doing it to the last is complicating things to you and that person.

4) do not be afraid to throw away what does not make sense to keep thinking that someone takes it: even giving is not so simple. There are many reasons for this: lack of space, little propensity for used items, or simply lack of interest in those specific objects. In short, even if the things you want to give are still in good condition, even excellent, and maybe even have a certain value, always consider a gift: the right gift for the right person. And to do that it takes time and organization, so let’s get back to point 1.

In all this, never forget one thing: an international move is not just any move. Starting it as soon as possible is always a good idea.

5 commenti
Generic placeholder image
Barbara

“Il concetto è: aprire un cassetto, un armadio, tirare fuori tutto, salvare quello che veramente vuoi salvare, rimettere dentro ciò che hai salvato, il resto E’ ottimo anche per chi non ha in mente di traslocare, ma assai difficile.

Generic placeholder image
serena

Si, vero, io stessa l’avevo già fatto tra gennaio e febbraio dell’anno scorso, mi ha un po’ facilitato le cose :) Però non è stato sufficente ;)

Generic placeholder image
.mau.

quando feci i lavori nella vecchia casa torinese usai anch’io un box. Non fu una grande idea, visto che ci avevo anche messo i libri e ci furono delle infiltrazioni d’acqua :-( (e soprattutto, quella volta non buttai via nulla. Mi toccò vendere la casa per fare qualcosa)

Generic placeholder image
serena

Eh infatti quando c’è stato qualcuno che ci ha offerto box/cantina di casa, abbiamo detto di no e abbiamo preferito santo Easybox ;) Ventilano, no umidità, assicurato (anche se non per moltissimo).

Generic placeholder image
kOoLiNuS

Ad ogni modo questa immagine mi mette i brividi. Solo di fumetti credo di avere la metà di quello spazio. Ma è proprio la sensazione di dover mettere via tutto in quel modo che mi terrorizza. Ci metterei mesi interi per farlo.

Non so. Brrr …

Commenta

Utilizzando questo blog, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi