xlthlx

I am not an early bird or a night owl. I am some form of permanently exhausted pigeon


#365 – L’ultimo


07 Novembre 2014

Riuscire ad arrivare a questo post è stata davvero un’impresa, ma di questo ho già ampiamente scritto in altri post. Di sicuro ho imparato alcune cose: prima di tutto, che non rifarò una cosa del genere, neanche in altra forma (tipo le foto). È decisamente troppo impegnativo per le mie limitate possibilità.
L’altra cosa importante che ho capito è che non scriverò mai per mestiere.
Le parole non mi sono mai venute facilmente, anche se mi piace scrivere, ma scrivere per obbligo, con delle scadenze, magari degli argomenti specifici da trattare per me equivale a una tortura.
Ho sempre avuto il dono della sintesi, non quello dell’analisi, e ho bisogno di pensare bene a quello che scrivo, e se ho fretta oppure non sono ispirata il risultato è deludente prima di tutto per me stessa. E infatti molti dei post che ho scritto per questo 365 non mi piacciono, anche se ormai sono qui e qui resteranno.
Di sicuro è solo che continuo ad essere una persona tenace, e la cosa mi fa piacere, perché allenare la pazienza e la capacità di mantenere un impegno a lungo termine è un ottimo esercizio, sempre, anche in cose piccole come questa.
Devo dire però che sono proprio contenta di non avere più questo impegno.
Da oggi, insomma, questo blog tornerà ad essere aggiornato in modo discontinuo, in base all’umore della proprietaria. E sono felice.

# 365 – The last one


07 November 2014

Being able to get to this post was really a business, but I’ve already written extensively in other posts. Of course I learned some things: first of all, I will not do something like that, even in another form (like the photos). It’s definitely too demanding for my limited possibilities.
The other important thing that I understood is that I will never write by profession.
Words have never come to me easily, even if I like writing, but writing for obligation, with deadlines, maybe the specific topics to be treated for me is tantamount to torture.
I have always had the gift of synthesis, not that of analysis, and I need to think well about what I write, and if I am in a hurry or I am not inspired, the result is disappointing first of all for myself. And in fact many of the posts I wrote for this 365 I do not like them, even though they are here and here they will remain.
Of course it’s just that I continue to be a tenacious person, and I’m glad to do it, because training patience and the ability to maintain a long-term commitment is a great exercise, always, even in small things like this.
I must say, however, that I am really happy that I no longer have this commitment.
From today, in short, this blog will return to be updated discontinuously, based on the mood of the owner. And I am happy.

2 commenti
Generic placeholder image
kOoLiNuS

È stata però una bella passeggiata, per me lettore, seguirti in quest’anno di “evoluzioni”. Speriamo la conseguenza non sia l’abbandono…

Generic placeholder image
xlthlx

Grazie :) Eh quello non ti so dire, vedremo :)

Commenta

le trecce di xlthlx

22 April 2019

Does our culture over-prize motherhood? Yes – and it has become worse, we’ve slid backwards. Motherhood is thought of as a choice but some people have that choice taken away. I’m always shocked when people ask: “Have you got children? Why not?” I’ll think: I don’t want to explain that to you. Or: “You’d make […]

Utilizzando questo blog, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi