Vai al contenuto

Ott 2014


#334 – Convalescenza

07 Ottobre 2014

Me la devo prendere con calma, mi ha detto la dottoressa. Non avrò molte difficoltà a farlo, visto che mi sento come se fossi affetta da narcolessia; il tempo decisamente autunnale aiuta, ma anche il fatto di non poter bere caffè. Ho anche qualche difficoltà a concentrarmi, ma quello mi…


#333 – Il settimo buco

06 Ottobre 2014

La settima volta che mi hanno infilato un ago è stata quella buona: la mia PCR è scesa dai 135 di lunedì scorso a 30 e infine a un valore normale. Ancora 15 giorni di antibiotico e di dieta povera di fibre e sarò come nuova.


#332 – Il lato positivo

05 Ottobre 2014

E quindi ieri abbiamo festeggiato giocando con dei Lego Star Wars, che un’intera giornata è lunga da passare. Al sesto giorno in ospedale devo dire che inizio a scalpitare; so bene che devo ancora avere pazienza, ma visto che sto andando tanto bene avevo sperato…


#331 – Due anni

04 Ottobre 2014

Passare l’anniversario di unione civile in ospedale non è proprio il massimo, ma direi che in ogni caso non ho proprio nulla di cui lamentarmi, anzi. Ieri scherzando un’infermiera ha detto, rivolgendosi alla mia metà dolce: certo che avrebbe potuto scegliere…


#330 – Yuppi, si mangia

03 Ottobre 2014

Dopo due giorni e mezzo di digiuno, ieri la pastina mi è sembrata la cosa più buona del mondo (a onor del vero, il brodo era ottimo, peccato per la pastina che sembrava colla), e oggi, alleluja, mi faranno mangiare più o meno normalmente. Con la fame che ho oggi…


#329 – Note di colore

02 Ottobre 2014

Non ho più le mie bellissime unghie lilla, perché altrimenti non riuscivano a prendermi le pulsazioni. In compenso ho le mie bellissime calzine con gli occhi, che, per inciso, sono comodissime. I medici di oggi mi sono sembrati sinceramente molto più affidabili di quelli di ieri, un uomo…


#328 – Sono un fenomeno

01 Ottobre 2014

Durante la nottata al pronto soccorso, sono successe due cose buffe: una, che erano lì anche la coppia di anziani, fratello e sorella, che abitano nello stesso pianerottolo, perché lui non era stato bene; e che gli infermieri si riferivano a me come la donna giovane con la diverticolite (una…