E quindi ieri abbiamo festeggiato giocando con deiLego Star Wars, che un’intera giornata è lunga da passare.
Al sesto giorno in ospedale devo dire che inizio a scalpitare; so bene che devo ancora avere pazienza, ma visto che sto andando tanto bene avevo sperato di poter essere cacciata fuori già oggi, ma ormai sembra che non ci sia speranza.
Ho imparato in questi giorni una cosa nuova: nella sala soggiorno del reparto ci sono anche dei libri, ed è possibile, senza problemi, donarli lasciandoli semplicemente lì.
Avevo già selezionato tra i miei libri due che proprio non so nemmeno perché li avevo presi, e ho chiesto a quel santo della mia metà dolce di portarli.
Non ho fatto in tempo a metterli sulla libreria che uno dei due è già sparito.
Mi ha dato una soddisfazione che sinceramente non riesco a descrivere, e ho come l’impressione che tornerò qui, con un bel carico.
Se non fossi mai stata qui, non l’avrei saputo.