Andare in posta a fare una raccomandata è sempre un’esperienza molto surreale.
In questo caso, la sede della posta è molto carina, essendo stata fatta da poco, ma preferisco sorvolare sulla qualità del servizio.
La cosa più triste di tutte è stata lo spot che mi ha fatto la persona allo sportello mentre mi faceva la raccomandata: mi ha chiesto se volevo fare una ricarica telefonica.
Lì per lì credevo di aver capito male, e me lo sono fatto ripetere.
Ma quello che continuavo a pensare è un’altra cosa: acquistare una PEC, per un privato, costa 8,42 euro l’anno, IVA compresa. La procedura non è complessa, può essere fatta completamente online, e dopo circa una settimana, anche meno, si ha la propria PEC, che devo dire funziona perfettamente.
Ora, una raccomandata con ricevuta a 1 giorno costa 9,05 euro (in questo momento in promozione a meno un euro! come sono stata fortunata!).
Dunque basta fare una raccomandata in un anno per andare a pari, se se ne fanno due si risparmia.
Ma stiamo parlando solo ed esclusivamente del lato economico: l’invio della PEC è immediato, e ti risparmia code e arrabbiature.
Le aziende ce l’hanno obbligatoria per legge, il che vuol dire che qualsiasi comunicazione verso un’azienda la potete sbrigare in quel modo.
E però mi sono dovuta fare lo stesso la coda per fare una maledettissima raccomandata cartacea.
Vi prego: fatevela, questa benedettissima PEC.