xlthlx

I am not an early bird or a night owl. I am some form of permanently exhausted pigeon


#163 – Il concetto di relax


19 Aprile 2014

Uno dei modi che ho per rilassarmi è ripulire, riorganizzare, ripensare. Così ho deciso di fare un bel backup dei dati che ho sulla mia fida Melina sul mio hard disk esterno, collegato in rete usando quel piccolo meraviglioso oggettino che mi è stato regalato per il mio compleanno. Devo dire che è stato utile, soprattutto è stato utilissimo risistemare gli ebook, perché ne ho ritrovati alcuni che non ricordavo di avere e che mi faranno comodo.
Ho anche cominciato a risistemare il mio profilo Goodreads, ma quella sarà un’operazione a lungo termine.
Tra l’altro, l’operazione virtualizzazione WindowsXp è andata a buon fine, anche se avere il mio vecchio pc sulla mia Melina mi fa un po’ impressione. L’idea ora è di installare questa benedetta Ubuntu, è già tutto pronto.

# 163 – The concept of relaxation


19 April 2014

One of the ways I can relax is to clean up, reorganize, rethink. So I decided to make a good backup of the data I have on my trust Melina on my external hard drive, connected to the network using that little wonderful object that was given to me for my birthday. I must say that it was useful, especially it was very useful to rearrange the ebook, because I found some that I did not remember to have and that will make me comfortable.
I have also begun to rearrange my Goodreads profile, but that will be a long-term operation.
Among other things, the virtualization operation WindowsXp has been successful, although having my old PC on my Melina makes me a little ‘impression. The idea now is to install this blessed Ubuntu, everything is ready.

Commenta

le trecce di xlthlx

22 April 2019

Does our culture over-prize motherhood? Yes – and it has become worse, we’ve slid backwards. Motherhood is thought of as a choice but some people have that choice taken away. I’m always shocked when people ask: “Have you got children? Why not?” I’ll think: I don’t want to explain that to you. Or: “You’d make […]

Utilizzando questo blog, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi