Skip to content

Proust mi fa un baffo

Attenzione: questo articolo è stato scritto più di 12 anni fa, alcune informazioni potrebbero essere obsolete.
Inglot Lipstick 282

Nonostante la cronica mancanza di fondi, non ho smesso di avere la passione compulsiva per il trucco. E quindi sabato sono passata da Inglot (a onor del vero, era tanto che non ci passavo) a vedere le novità.
In effetti ho trovato una nuova collezione di rossetti, ne ho preso uno, il 282 (nella foto).
La cosa curiosissima è che l’ho provato e il sapore mi ricordava qualcosa.
Ci ho messo un po’ a realizzare che era lo stesso identico odore di una penna a sfera viola che ho ancora adesso, presa quand’ero adolescente, che, nelle intenzioni di chi l’aveva fabbricata, doveva sapere di uva.
Va da sé che per colore, consistenza, morbidezza (non secca per nulla le labbra, anzi, le ammorbidisce) e per profumo è diventato quasi subito uno dei miei rossetti preferiti.

Ovviamente non mi sono limitata a prendere quello, ma ho aggiunto un set di pennelli da viaggio (piccolissima ma molto comoda), e due ombretti Rainbow, viola e arancio.

Mi scusino molto i signori uomini per questo post, ma la passione è passione.
Tra l’altro, uno dei miei sogni nel cassetto è che diventi professione, e come si dice, never say never.

Discussione

  1. anche io avevo una penna profumata all'uva!
    e il fatto che talvolta certi sapori ci rimandino a degli odori e viceversa, che ci costringono anche a scavare nella memoria del "cosa esattamente?", io lo trovo bellissimo...
    cmq nel vedere titolo del post e rossetto, ho pensato ad un Proust con i baffi disegnati col rossetto! un'immagine pop direi...
    :)

  2. adesso che sono diventata consulente di immagine nientepopo'dimenoche di proust (:DD) oserei rispondere al tuo sondaggio sul piercing...
    scherzi a parte: io voto no.
    se proprio te piace...solo al naso, pequeno..
    :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo precedente

Articolo successivo