xlthlx

I am not an early bird or a night owl. I am some form of permanently exhausted pigeon


Di cucchiai e altre posate


25 Febbraio 2012

C’era un volta un blog.
Questo piccolo blog l’ho fatto nascere, tecnicamente, poi crescere, per altre due volte.
L’ho visto diventare grande, e crescere bene, ed è sempre stato un po’ il mio orgoglio, il mio figlio riuscito bene.
Ormai è diventato adulto, e tra pochi mesi cambierà.
Quando ho saputo che sarebbe cambiato, ho detto: voglio esserci.
E così è: l’esperienza breve ma intensa di cui ho parlato è proprio questa, che Appunti Digòla cambierà forma e diventerà parte de il Cucchiaio d’Argento.
Perché ne parlo proprio ora? Perché ne ha scritto il capo (ciao Stefano!), e quindi ormai sarebbe solo un segreto di pulcinella; ma soprattutto perché spero che il risultato sia buono, e per una volta nella vita sono contenta di metterci la firma.
Nel frattempo, ogni giorno incrocio le dita per scaramanzia.

Of spoons and other cutlery


25 February 2012

Once upon a time there was a blog.
This little blog I gave birth, technically, then grow, for two more times.
I saw him grow up, and grow up well, and he has always been a bit of my pride, my son succeeded well.
By now he has become an adult, and in a few months he will change.
When I knew it would change, I said: I want to be there.
And so it is: the short but intense experience that I spoke of is precisely this, that the notes Digòla will change shape and become part of the Silver Spoon.
Why do I talk about it right now? Because he wrote the head (hello Stefano!), And then by now it would be just a secret of puffin; but above all because I hope the result is good, and for once in my life I’m happy to put the signature on it.
In the meantime, every day I cross my fingers for superstition.

2 commenti
Generic placeholder image
Davide Cocco

Dai, che è la volta buona che ci si conosce.

Sani.davide

Commenta

le trecce di xlthlx

22 April 2019

Does our culture over-prize motherhood? Yes – and it has become worse, we’ve slid backwards. Motherhood is thought of as a choice but some people have that choice taken away. I’m always shocked when people ask: “Have you got children? Why not?” I’ll think: I don’t want to explain that to you. Or: “You’d make […]

Utilizzando questo blog, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi