Potrei raccontare che questa degustazione non è niente male, o come è bellissimo soprattutto l’impatto iniziale di questo film con gli occhialini 3d. Però, però, però.
Ho la mente annebbiata, e non è l’alcool; ho perso l’ispirazione, e non l’ho trovata nemmeno all’ufficio oggetti smarriti. E’ come se mi fossi un po’ spenta, ma solo qui.
E mentre stavo scrivendo questo post credo proprio di aver capito perché: come diceva il mio professore di italiano al liceo, per saper scrivere bisogna leggere, leggere, leggere.
Sant’uomo, come aveva ragione: sto leggendo davvero troppo poco, e quel che leggo nella maggior parte dei casi sta nel mio Feed Reader. Il che, senza togliere niente a nessuno, non è un gran esercizio stilistico (tranne in alcuni casi): allora vado a sciacquare i panni in Arno e torno.