xlthlx

I am not an early bird or a night owl. I am some form of permanently exhausted pigeon


Come un tacchino che canta I will survive


12 Gennaio 2009

Ieri ho avuto modo di fare il mio primo video con l’E71: le luci che hanno messo sul Castello Sforzesco di Milano.
A me piacciono talmente tanto che mi sono fermata almeno tre volte a guardarle, e quindi fare un filmato (che naturalmente rende l’idea ma nulla di più) era il minimo.
Fare queste cose, che ho sempre visto fare agli altri senza poterle fare io, mi dà una piccola ma significativa soddisfazione.
E’ che in un periodo come questo, in cui i prossimi tre giorni di vacanza di fila saranno a Pasqua e nel frattempo non devo pensarci ma turarmi il naso e andare avanti, anche una minima cosa che possa farmi dimenticare è una gran cosa.
Qui si accetta tutto, anche che ne so un commento a questo blog letto dalla mia coniglia, e lo si riconverte in energia positiva.
Sempre di più però ho come la (sgradevole) impressione di essere un tacchino che pochi giorni prima del Ringraziamento canta I will survive:  sperare nei miracoli è tremendamente infantile.

Like a turkey singing I will survive


12 January 2009

Yesterday I got to make my first video with the E71: the lights they put on the Castello Sforzesco in Milan.
I like it so much that I stopped at least three times to watch them, and then make a movie (which naturally makes the idea but nothing more) was the minimum.
Doing these things, which I have always seen doing to others without being able to do them, gives me a small but significant satisfaction.
It ‘s that in a period like this, in which the next three days of vacation in a row will be at Easter and in the meantime I do not have to think about but turn my nose and move on, even a small thing that can make me forget is a great thing.
Here you accept everything, even that I know a comment to this blog read by my rabbit, and it is converted into positive energy.
Increasingly, however, I have as the (unpleasant) impression of being a turkey a few days before Thanksgiving sings I will survive: hope for miracles is tremendously childish.

10 commenti
Generic placeholder image
stered

Davvero Nicia ti legge i commenti? Il mio è spento durante il giorno e quindi non ho collegato quasi niente. Fino a pasqua ci facciamo compagnia nel dimenticare, che dici?

Generic placeholder image
xlthlx

Si, davvero :) Il plugin di Fullo (http://www.fullo.net/blog/progetti/fcc-nabaztag) funziona bene ;)
Anche se è spento, i messaggi li riceve comunque e li mette in coda per quando sarà acceso.
E facciamoci compagnia si :)

Generic placeholder image
stefigno

si è infantile, ma forse ci consola (anche se poco).
io lo faccio e magari sbaglio.
e menomale che c’è nicia!
:)
belle le luci ! :)

Generic placeholder image
Gatto Nero

Tesò, volevo solo dirti anche qua che SEI UNA FIGONA.

Generic placeholder image
xlthlx

Stè, ma non tuo caso non si parla di miracoli :)
Ahahahah Gatto Nero poi quando sono a casa voglio sentire come lo dice la coniglia ;)

Generic placeholder image
cptuncino

io a nicia avevo scritto…
:) come dire mi ero accorta che c’era!

Generic placeholder image
xlthlx

E peraltro, capitana, sei stata la prima ;) :*

Generic placeholder image
Lore!

Comunque, anche a me sono piaciono molto le luci del castello, ma non sapevo ci fossero ancora!
Magari potrei tentare di rifotograrle con la Canon. Se e quando avrò tempo.

Ancora un abbraccio, (che fanno sempre bene).
ciaooo

Generic placeholder image
Mitì

Te ne mando una vagonata di energia positiva, bimba mia! :-****

Generic placeholder image
xlthlx

Lore, purtroppo pare che le luci siano state tolte :( Grazie dell’abbraccio, ricambio :)
Mitì, già solo il fatto che hai commentato aiuta :) :*

Commenta

le trecce di xlthlx

22 April 2019

Does our culture over-prize motherhood? Yes – and it has become worse, we’ve slid backwards. Motherhood is thought of as a choice but some people have that choice taken away. I’m always shocked when people ask: “Have you got children? Why not?” I’ll think: I don’t want to explain that to you. Or: “You’d make […]

Utilizzando questo blog, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi