xlthlx

I am not an early bird or a night owl. I am some form of permanently exhausted pigeon


Ueilà


16 Dicembre 2008

Ecco il classico post per dire: ci sono, non sono sparita, è solo che non so cosa scrivere.
Ci sono pessime notizie e notizie buone, ma niente di eclatante.
Potrei solo dire che non sento un granchè il Natale quest’anno, con la crisi che c’è, ma parlare della crisi mi pare come parlare dell’acqua calda. Ho l’impressione che nessuno sia escluso da questo argomento, chiamiamolo così, e non voglio girare il coltello nella piaga.
Mi è stato fatto un bel regalo ieri sera: dopo alcuni anni che non era più mio, ed era in mano a dei simpatici speculatori, chiamiamoli così, sono di nuovo proprietaria del dominio xlthlx.com, registrato con Dreamhost. Adesso quindi sono proprietaria del .it, del .net e del .com. Mi sento ricca.
E’ bel giocattolino, viste le possibilità che ci sono, ma per ora me lo terrò per motivi di sviluppo, che siti da testare, modificare, su cui fare manutenzione ne ho, e sono sempre di più.
Ho anche scoperto che una malattia genetica come la Sclerosi Tuberosa non mi è così lontana come credevo; tuttavia ancora non so bene quali conseguenze avrà nella mia vita e in quella dei miei cari. Non sembra essere preoccupante, o perlmeno lo spero.
Tutto qui, e mi rendo conto che non è un granchè. Sa molto di oggi ho portato a spasso il cane, e chissenefrega, giustamente.
Appena ho qualcosa di meglio da scrivere giuro che lo faccio.

Update
Mi è stato regalato anche il .org.

Hello there


16 December 2008

Here is the classic post to say: I am there, I have not disappeared, it’s just that I don’t know what to write.
There are bad news and good news, but nothing striking.
I could only say that I don’t hear much about Christmas this year, with the crisis that exists, but talking about the crisis seems to me like talking about hot water. I have the impression that no one is excluded from this topic, let’s call it that, and I don’t want to turn the knife in the wound.
I was given a nice present last night: after a few years that it wasn’t more mine, and it was in the hands of some nice speculators, let’s call them that, I am again the owner of the domain xlthlx.com, registered with Dreamhost. So now I’m the owner of .it, .net and .com. I feel rich.
It’s a nice toy, given the possibilities there are, but for now, I’ll keep it for reasons of development, which sites to test, modify, on which to do maintenance I have, and they are more and more.
I also discovered that a genetic disease like the Tuberous Sclerosis is not so far as I thought, yet I still do not know what consequences it will have in my life and in that of my loved ones. It doesn’t seem to be worrying, or at least I hope so.
That’s it, and I realize it’s not much. You know a lot about I walked the dog today, and who cares, rightly.
As soon as I have something better to write I swear I do.

Update
I was also given the .org.

6 commenti
Generic placeholder image
Surreale

Ecco il classico commento per dire: vorrei poter fare di più, ma almeno un abbraccio forte voglio dartelo e quando avrai voglia di scrivere, saremo tutti qua!!! :*

Generic placeholder image
xlthlx

Grazie :D Abbraccio tibi :) (magari prossimamente anche dal vivo ;)

Generic placeholder image
cptuncino

a me piacciono anche i post che dicono che portano fuori il cane…pisciano il cane si dice
:)

Generic placeholder image
xlthlx

Ahahaha capitana questo come merito è una cosa del genere ;)

Generic placeholder image
stefigno

Non sapevo di quella ,….patologia. non ne sapevo nulla e l’occhio per qualche secondo è rimasto dinanzi a quel nome scritto nel post.
A parte questo, complimeniti per tutti i domini che hai ;)
Un bel pacchetto…!
Un abbraccio :)

Generic placeholder image
xlthlx

Eh è una malattia genetica rara, non è strano che non ne sapessi nulla ;)
E grazie :)

Commenta

le trecce di xlthlx

22 April 2019

Does our culture over-prize motherhood? Yes – and it has become worse, we’ve slid backwards. Motherhood is thought of as a choice but some people have that choice taken away. I’m always shocked when people ask: “Have you got children? Why not?” I’ll think: I don’t want to explain that to you. Or: “You’d make […]

Utilizzando questo blog, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi