xlthlx

I am not an early bird or a night owl. I am some form of permanently exhausted pigeon


Unisci i puntini


22 novembre 2004

Cosa unira’ mai questi due articoli?

Mi consenta

MAURIZIO CRIPPA
presidente Confindustria Lombardia

> Bill Gates ha dichiarato che le aziende italiane soffrono di un grande gap tecnologico.
Cosa rispondono gli industriali?

>> Che lo sappiamo già.
Ne abbiamo piena consapevolezza.
Ma il gap riguarda più che altro il sistema Paese.

> Giocate al solito scaricabarile?

>> No, il fatto è che Bill Gates è poco informato.
La media azienda italiana non è meno sviluppata delle altre a livello tecnologico.
Quello che manca sono le infrastrutture.
Basti pensare alla diffusione di internet, che da noi è molto più lenta rispetto al resto d’Europa.

> Di chi è quindi la responsabilità?

>> Io credo che si tratti di un processo sociale naturale.
Con il tempo copriremo questo gap.
Ma certo se ad esempio la P.A. non rilascia documenti via internet, di strada ce ne è molta da fare.

> Bill Gates ha lanciato anche un allarme sullo scarso numero di studenti occidentali in materie scientifiche. E’ d’accordo?

>> Sì, siamo in un Paese più ‘umanistico’, dove si riempiono le facoltà di Scienze della comunicazione.
Quelle scientifiche sono più difficili, e in pochi hanno voglia di dedicarvisi.

> Però le aziende investono poco nella ricerca e per i giovani ci sono poche opportunità di lavoro.

>> Questo non è vero.
Il problema è che in Italia c’è un bassissimo livello di laureati.
Pensi che siamo al 17%, contro una media europea del 30%.

VALERIA BOBBI

Metro Milano, pag. 2

INSEGNANTI ITALIANI I MENO PAGATI D’EUROPA

Insegnanti e ingegneri italiani sono tra i meno pagati d’Europa.
Peggio di loro stanno infatti solo i colleghi portoghesi,
ultimi in classifica tra tutti gli Stati di Eurolandia.
All’estremo opposto gli insegnanti e gli ingegneri lussemburghesi
che possono invece contare su uno stipendio netto di circa
tre volte superiore rispetto a quello percepito in Italia.
A fare i calcoli è stata An, che in base ai dati Istat.

Metro Milano, pag. 3

Commenta


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando questo blog, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi